Top

Due passi nella storia: Il Sentiero delle Donne

Viaggi della Memoria / Due passi nella storia: Il Sentiero delle Donne

Due passi nella storia: Il Sentiero delle Donne

per person

La Resistenza delle staffette

La Resistenza ha ricevuto un fondamentale sostegno dalla presenza femminile.
Il compito delle staffette partigiane è quello di fungere da collegamento tra le formazioni e fra queste e il centro direttivo. Negli eserciti regolari si tratta di mansioni affidate ad appositi ufficiali di collegamento. Il ruolo delicato e di movimento, complicato dallo stretto controllo del territorio operato dai nazifascisti, rende quasi impossibile agli uomini in età di leva lo spostarsi senza venire fermati. E’ così che questi incarichi vengono affidati alle donne, a volte anche giovanissime, non mobilitabili nella guerra e meno controllate.

La staffetta lavora da sola ed è lei che decide in che modo eseguire il compito affidatole. Le donne, a piedi o in bicicletta, divengono le migliori agenti di collegamento con le formazioni, finendo per trasportare di tutto: cibo, indumenti, armi e materiale di propaganda, oltre a essere depositarie della trasmissione di ordini e informazioni. E’ un lavoro faticoso e ad alto rischio. Dentro alle formazioni della Resistenza la donna scopre sempre più spesso di essere padrona del proprio destino, ripensa se stessa in una nuova dimensione, in opposizione al ruolo defilato e subordinato di “madre e moglie esemplare”, secondo l’etichetta della retorica fascista che già sfruttava un precedente retroterra maschilista.

La partecipazione delle donne ha contribuito a dare l’avvio a un processo di emancipazione femminile lento ma irreversibile, ponendosi come inizio di una svolta. Se la Resistenza può essere ritenuta il percorso di crescita di una generazione, lo è a maggior ragione per le donne.

Questa proposta è stata ideata da Istoreco, l’Istituto storico che cura l’aspetto culturale del viaggio.
Gli aspetti logistici sono curati dalla Coop Agenzia Turistica CultureLabs e le visite ai luoghi sono svolte da guide professioniste.

Per informazioni e prenotazioni contattare:
Andrea Franzoni
viaggidellamemoria@istoreco.re.it
3282844028

Sentiero partigiano, Appennino reggiano Foto Istoreco

Testimonianza di Giacomina Castagnetti, Appennino reggiano Foto Istoreco

Testimonianza di Giacomina Castagnetti, Appennino reggiano Foto Istoreco

1

Sabato 3 ottobre 2020 - Sentiero Partigiano n. 7

  • Dislivello: 200 m ascensione, 200 m discensione
  • Distanza: 5 km - 4,30 h
  • 09.00 Arrivo a Felina a Parco Tegge e introduzione Sentiero delle Donne
  • 09.30 Inizio sentiero per Pietra Di Bismantova
  • 11.30 Pranzo al sacco e visita alla Pietra di Bismantova
  • 13.30 Ripresa camminata per Castelnuovo ne' Monti
  • 14.30 Arrivo a Castelnuovo presso il Monumento alle donne - Coffe break
  • 15.00 Momento di approfondimento storico sulla lotta di Liberazione e sulle donne resistenti e partigiane
  • 17.00 Fine iniziativa

  • Il programma di viaggio può subire variazioni per ragioni tecniche indipendenti dall'organizzazione
  • Quota di partecipazione individuale: € 25,00
  • La quota di partecipazione comprende
  • - Incontro di approfondimento
  • - 1 ricercatore storico per tutta la durata del viaggio che si occuperà delle visite guidate
  • - Assicurazione medica, RCT
  • - Noleggio riceventi per visita guidata
  • La quota di partecipazione NON comprende
  • - Pranzo
  • - Mance ed extra personali in genere
  • - Tutto quanto non espressamente menzionato nel programma